giovedì 29 agosto 2019

Descansos


-->




"… Siate gentili con voi stesse e fate dei descansos, luoghi di riposo per aspetti d voi che un tempo stavano andando da qualche parte ma che non sono mai giunti alla meta. …"

Questa frase, che proviene dal libro “Donne che corrono con i lupi”, ha smosso qualcosa di importante nel profondo della mia anima. Questa frase, unitamente a un commento su facebook, lasciatomi da un mio ex compagno delle medie. Niente di che, ha scritto semplicemente “Buona guarigione, Cinz”. Anzi, questo commento, prima ancora di quella frase, ha fatto vibrare qualcosa dentro di me. Mi ha commosso fino alle lacrime. In un primo momento ero sorpresa. Poi sono stata travolta da una sensazione di affetto profondo, per lui e per me. Per quella Cinz che lui aveva così riportato a galla. L’ho rivista e mi sono resa conto che ci eravamo perse di vista. Lei è la mia essenza. La mia parte più vera. L’ho persa quando avevo 16 anni o poco più. Era la donna che avrei dovuto diventare, il mio IO più vero. Più autentico. Il mio terzo Chakra.

mercoledì 6 marzo 2019

Il coraggio di cambiare

Sono ormai mesi che mi vedo alle prese con problemi di salute. Ma forse dovrei dire anni. Questa realtà mi crea problemi a più livelli. Da un lato, ovviamente, fisici, pratici, legati a problemi lavorativi, economici, al fatto che restano indietro lavori e impegni. Che già di per sé non è poca cosa.
Dall'altro questo essere sempre un po' malata mi confronta con domande e anche sensi di colpa. Le domande più frequenti sono: che cosa mi sta comunicando il mio corpo? Sto vivendo in un modo che non mi crea benessere? Sono in ascolto dei miei bisogni? Di me stessa in generale? Cos'è che mi fa ammalare?
Ed ecco che appaiono i sensi di colpa. E anche il senso di impotenza. Perché forse è vero che dovrei cambiare delle cose, ma non è sempre è facile o possibile cambiare così radicalmente. O meglio, ci sono delle parti di me che vorrebbero un altro tipo di vita, è vero. Ma ci sono anche parti che non sarebbero disposte a correre dei rischi, anche a livello esistenziale... dunque mi ritrovo un po' incastrata in mezzo a queste parti di me. Proprio io, che dovrei essere in grado si brogliare questa matassa, visto che lo faccio per lavoro... aiutare gli altri a sbrogliare le loro matasse. Perché invece resto ingarbugliata nella mia?
La mia testa continua a darmi suggerimenti. Uno dei più costanti è la famosa preghiera della serenità: “Dio, concedimi la serenità di accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio di cambiare le cose che posso e la saggezza per distinguere le une dalle altre.” E la mia testa mette l’accento sull’accettare le cose che non posso cambiare. Evidentemente però il mio corpo la mensa in modo diverso… non si accontenta di queste massime, ha bisogno di altro. Mi chiedo quando troverò il coraggio di cambiare le cose che posso cambiare…



-->

domenica 2 dicembre 2018

Opulenza stomachevole


Ieri, sabato, dopo molte settimane in cui non andavo a fare acquisti, sono andata in un supermercato qui da noi in Ticino. Subito appena entrati c’erano montagne, letteralmente, a forma di piramidi, composte da cioccolatini, dolciumi vari, giochi, di tutto e di più. I frigoriferi a vasca pieni di cosce appartenute a maiali o agnelli, non lo so perché guardarle mi faceva ribrezzo. L’impatto è stato terribile per me. Tutto quell’eccesso, quell’abbondanza esagerata, quell’opulenza ostentata del superfluo… mi ha letteralmente disgustata. Non riuscivo nemmeno a stare nella vicinanza di tutto quello sberluccichio. Non ho potuto fare a meno di pensare a quanto siamo diventati superficiali, a quanto siamo sommersi da merce, in modo davvero eccessivo. Non sono un asceta, una purista, una bigotta. Ma ho l’impressione che stiamo perdendo il senso della misura, del pudore, della modestia sana. Stiamo perdendo di vista il senso della vita, di ciò che è necessario e di ciò che è spreco e nient’altro… Quando prenderemo coscienza di tutto ciò? Quando riusciremo a invertire la rotta?