domenica 22 gennaio 2012

Ellebori & co.

Partiamo a piedi da casa e raggiungiamo un paesino situato più in basso, attraversando un tratto del bosco disseminato di ellebori.


Tutte le macchie bianche che si vedono sono ellebori


Ogni anno a gennaio, mi incammino per ammirare questi fiori che, nella loro semplicità, trovo stupendi. E ogni anno mi sembra che il loro numero sia aumentato. La tentazione di raccoglierne qualcuno è grande, ma sono protetti e resisto... (poco dopo incontrerò una conoscente che andava a raccoglierne un po', "con la coscienza a posto, visto che ce ne sono così tanti..." ed è vero). Io comunque mi sono limitata a fare delle fotografie.





Lungo il cammino, osservando attentamente la natura che pian piano si riseveglia (e quest'anno forse anche in anticipo), si scoprono altri piccoli tesori. Io vado letteralmente in visibilio....







Licheni e muschi fioriti



Dettagli architettonici


e vecchie fontane lungo il sentiero




10 commenti:

  1. Quando andrò in pensione, tra 10 - 11 anni se tutto va bene, investirò tutta la liquidazione per fare un mese di vacanza in Svizzera tra gli ellebori.
    Se ci sara ancora la pensione
    se ci saranno ancora le nazioni
    se ci sarà ancora il mondo
    se ci saranno ancora gli ellebori ...

    se non sarò ancora crepato di invidia per tutta quella grazia di Dio che puoi vedere, toccare, fotografare ....

    Goditeli anche per me!!!!!
    Un abbraccio. Ciao Cinzia.

    RispondiElimina
  2. Voglia di primavera.....
    francesca

    RispondiElimina
  3. E' l'Helleborus niger? Spontaneo? Meraviglioso. Comincia a fiorire l'hepatica ? Siete più avanti di noi!

    RispondiElimina
  4. Guten Tag Cinzia

    Oh wunderbar, so weit ist die Natur schon bei euch! Die Christrosen sind erstaunliche Blümchen, ich mag sie sehr. Und sogar eine kleine Leberblume zeigt sich schon, ich habe im Radio gehört bei euch ist es schon 12 Grad C, da seid ihr trotz Januar dem Frühling schon sehr nahe.
    Herzliche Grüsse
    Elfe

    RispondiElimina
  5. Ciao Cinzia! Gli ellebori crescono facilmente da seme e si possono trovare queste macchie in giro nei boschi, soprattutto in prossimità di case. La cosa che mi ha colpito è che nessuno è andato a raziarli :) Grazie di cuore per queste immagini!

    Vitamina, l'inverno particolare ha fatto fiorire epatiche e campanule per tutto il tempo quasi, non credevo ai miei occhi :) Fossero sempre così gli inverni :D:D

    RispondiElimina
  6. Wilde Helleborus habt ihr im Tessin. Wie wunderschön! Gut, dass sie geschützt sind... sonst gäbe es sie wahrscheinlich bald nicht mehr. Ich liebe diese zarten Blüten, die zu dieser Jahreszeit einem das Herz erwärmen. Deine Fotos/Impressionen sind ganz toll, liebe Cinzia! Uebrigens, du hast Recht, an Herzen habe ich auch noch gedacht....wenn es mir gelingt sie rund auszusägen (mit der grossen elektr. Säge kein leichtes Unterfangen). Versuchen werde ich es jedenfalls :-) !!
    Sei lieb gegrüsst aus dem ebenfalls nicht sehr winterlichen Norden!
    Barbara

    RispondiElimina
  7. Ma che belle foto!! Belle belle belle!!
    Bravissima!!
    :-)

    RispondiElimina
  8. Quanto ti invidio! Paesaggio stupendo.

    RispondiElimina
  9. Ciao Cinzia, strano inverno, con ellebori ed epatiche in anticipo. Domani forse nevicherà, speriamo. E' interessante che anche in tedesco Epatica si dica "Fiori di fegato" (da Diewasserfrau (lasignoradelleacque, cosa c'è di più weiblich dell'acqua?)). Da noi l'elleboro non è frequente, anzi è raro, mentre l'epatica si accompagna sempre alle primule gialle, che non ho ancora visto, ma non giro molto ultimamente. Otto e Hubert ti salutano, stravedono per te!!
    Ciao.
    ps: che bello leggere del buon (amato e ormai quasi dimenticato) tedesco (Barbara)!

    RispondiElimina