martedì 5 marzo 2013

Addicted

Perché io non riesco a passare accanto a uno stand di piante senza comprarne?

È bulimia, dipendenza, un bisogno protratto di maternità, demenza....? O tutto questo messo insieme?
Così oggi sono tornata a casa con un ranuncolo e un elleboro. Poca roba direte voi, ma ho anche comprato una quantità smisurata di semenze, aglio e cipolle da piantare, fiori che dovrebbero attrarre ogni genere di insetto. E questi mini acquisti avvengono ogni due o tre giorni... perché in questo periodo anche nei supermercati sono tantissimi i fiori e le piante in vendita, difficilissimo resistere quando si è stufi di vedere tutto bianco o marrone. E l'elleboro era proprio bello, non sono ancora riuscita a fotografarlo, ma lo farò presto.

Abbiamo anche ordinato il materiale per recintare l'orto e tra non molto saremo pronti per partire. Ah, ho anche acquistato della terra da semina. Così potrò già preparare delle piantine.



13 commenti:

  1. ... che dire... buon lavoro!
    :-)

    RispondiElimina
  2. Soffriamo dello stesso tipo do denmenza....
    fra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora sono in buona compagnia!!

      Elimina
  3. Lo scorso sabato sono andata in un garden da sola, cioè il massimo! poi però ho ripensato agli acquisti e allora ho riportato alcune cose a posto, me la sono cavata con 44 euro che è una cifra comunque significativa, ma una volta ogni tanto si può fare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero, quando sono sola, mi controllo a fatica, se sono con qualcuno è più facile...

      Elimina
  4. Allora non sono l'unica:)))........però gli ellebori li ho raccolti nei campi!
    Ciao Lieta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ho osato... e questo che ho comprato è proprio particolare. Farò presto delle foto.

      Elimina
  5. Ah ah, è una malattia contagiosissima.
    Pericolosissima per il portafoglio, ma un vero toccasana
    per il buonumore.
    Ciao e buoni lavori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Loretta, mi fa sentire meno in colpa, pensare che questi acquisti sono un toccasana per il buonumore. In fondo così ne beneficiano anche agli altri...

      Elimina
  6. Oddio, ma allora è contagiosa, non è genetica!! Ne sono affetta anch'io da tanto tempo!! Che cosa "deprecabile" mettere certe tentazioni così, in bella vista sugli scaffali, in luoghi dove proprio non si può fare a meno di passare!!!ma perché adesso li vendono anche al super, che non riesco mai a passar davanti senza che mi resti una piantina attaccata alle mani ?! E lo stesso discorso che vale anche per i libri...
    Buon lavoro, Cinzia! Che meraviglia la primavera alle porte!
    Bacione

    RispondiElimina