lunedì 10 gennaio 2011

Il giardino di nonna Pupa

Oggi ho fatto ordine nella mia montagna di carte. La scusa era la dichiarazione dei redditi per la quale sono tremendamente in ritardo. Mi beccherò di sicuro una multa. Spero di non finire in galera...
Non ho ancora finito di fare ordine, ma sono già soddisfatta perché in mezzo alla montagna di carte ho trovato un piccolo tesoro. Proprio un tesoro, del tutto inaspettato, quelle cose che trovi dove proprio non te le aspettersti mai. Questo tesoro consiste in due fogli fotocopiati da un quaderno Montessori. In alto nella prima pagina, a mano, c'è scritto Auguri. Non so più chi mi abbia dato questi fogli, ma leggerli è stato emozionante.
È un racconto scritto da Mariagrazia Honegger Fresco, e questa è stata un'altra sorpresa. Conosco la signora Honegger da molti anni, ed ogni tanto ritrovo le sue tracce, come sassolini che lascia sul percorso della mia vita, e sono sempre delle chicche meravigliose. Il racconto in questione parla della nascita di un giardino particolare, il Giardino della Valle (http://www.ilgiardinodellavalle.it/), e soprattutto parla di una donna (nonna) speciale. Mi sono commossa leggendo questo breve racconto. E sono subito andata a visitare il sito. Appena possibile farò una passeggiata a Cernobbio per vederlo dal vivo il giardino di nonna Pupa. Vi congilio di leggere la storia di questa donna, forte, coraggiosa, saggia, grandiosa. Ne sarete affascinati anche voi.
Io ho un'ammirazione immensa per la signora Ida Frati, nonna Pupa, che ha fatto un lavoro a dir poco splendido! Un lavoro che ha portato alla creazione di questo piccolo gioiello ma anche un lavoro che ha creato, ne sono certa, un legame profondo e una relazione speciale con i suoi nipoti.
Non conosco Ida Frati, ma provo, oltre all'ammirazione, un affetto sincero e istintivo per questa persona che ha fatto un grande dono a tutti noi.



4 commenti:

  1. :-) auguri per il nuovoblog :-)

    RispondiElimina
  2. Ciao Cinzia!!
    Sono felice di fare la conoscenza di una nuova amica, che condivide i miei stessi sentimenti e le stesse emozioni per la natura!
    Ti ringrazio per essere passata a trovarci sul Furighedda Gardening e aver lasciato il tuo bellissimo commento. Ti faccio tanti tanti auguri per la nuova avventura blogghistica ( si dirà così? dobbiamo imparare ad usare nuovi termini tecnologici eheheh! ) vedrai che ti si aprirà un mondo!!!
    Condivido con te l'amore per la natura, io ci vivo in mezzo, abitando come te fra le montagne. La mattina gli uccellini mi svegliano e mi dicono che è iniziato un nuovo giorno e tutto questo per me non ha prezzo!!
    Trovare quel tesoro, quel ricordo di nonna Pupa, deve essere stato emozionante e sarebbe interessante vedere come ha impostato il suo giardino......purtroppo il mio pc ha rilevato un virus sul sito e non mi permette di aprirlo.
    Cercherò qualcosa in internet.
    Verrò spesso a trovarti per cui non poltrire!!!
    Aspetto tanti post interessanti, le premesse sono affascinanti! Abbracci!

    RispondiElimina
  3. E' proprio così che un giardino dovrebbe funzionare, come luogo d'incontro delle anime col mondo naturale , sempre pieno di persone che lavorano , parlano suonano pensano .E' bello che quando una muore resti di lei un giardino.

    RispondiElimina
  4. Ciao Cinzia, ti ho trovata nel blog di Lorenza (vitamina)e ora sono qui a leggerti.È molto piacevole quello che scrivi e come lo scrivi.
    Io in Italia non avevo mai avuto un giardino ma da quando abito in una casa a Bruxelles abbiamo un piccolo giardino occupato quasi tutto da un albero di noce
    Devo ammettere che per il giardino sono completamente negata ma questo non mi toglie il piacere di ammirare giardini degli altri e di avere un'istintiva simpatia per chi se ne sa occupare con passione.Rimango qui da te a leggerti e di sicuro tornerò ancora
    A presto
    Grazia

    RispondiElimina